OBBLIGHI PER CHI ARRIVA IN SICILIA DA ALTRE REGIONI
AVVISO ALL’UTENZA - EMERGENZA COVID-19
 
DA LUNEDI’ 8 GIUGNO E' IN VIGORE L'ORDINANZA N. 24 DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIA  del 6 Giugno 2020
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Regione Siciliana
I L P R E S I D E N T E
 
Ordinanza contingibile e urgente n. 24 del 6 giugno 2020
 
Visto l’art. 32 della Costituzione;
Visto lo Statuto della Regione Siciliana;
Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, recante “Istituzione del servizio
sanitario nazionale” e, in particolare, l’art. 32 che dispone “il Ministro
della sanità può emettere ordinanze di carattere contingibile e urgente, in
materia di igiene e sanità pubblica e di polizia veterinaria, con efficacia
estesa all’intero territorio nazionale o a parte di esso comprendente più
regioni”, nonché “nelle medesime materie sono emesse dal presidente
della giunta regionale e dal sindaco ordinanze di carattere contingibile
ed urgente, con efficacia estesa rispettivamente alla regione o a parte del
suo territorio comprendente più comuni e al territorio comunale”;
Visto l’art. 117 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 - e sue ulteriori
integrazioni - con la quale dichiara, per sei mesi, lo stato di emergenza
sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso
all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;
Visto l'articolo 3, comma 6-bis e l'articolo 4 del decreto legge 23 febbraio
2020, n. 6, recante «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione
dell'emergenza epidemiologica da COVID-19», convertito, con
modificazioni, dalla legge 5 marzo 2020, n. 13;
Visti i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 febbraio 2020,
del 25 febbraio 2020, dell’1 marzo 2020, del 4 marzo 2020, dell'8 marzo
2020, del 9 marzo 2020, dell'11 marzo 2020, del 22 marzo 2020, dell’1
aprile 2020, del 10 aprile 2020 e del 26 aprile 2020;
Visto il decreto legge 16 maggio 2020, n. 33;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 maggio 2020 e,
in particolare, le linee guida allegate per la riapertura delle attività
economiche e produttive del 25 maggio 2020, condivise dalla Conferenza
delle Regioni e delle Provincie autonome e recepite dallo Stato per tutto
il territorio nazionale;
Visto il parere del 18 aprile 2020 del Comitato tecnico-scientifico in relazione
allo stato di avanzamento dell'emergenza in Sicilia e programmazione
della fase di post-lockdown (fase 2), nonché la tabella sinottica
denominata “classe di rischio dei lavoratori in relazione
all'aggregazione sociale con modello in fase di studio con indicazioni
sull'uso di DPI e del distanziamento”;
Visto il decreto del Ministro della Salute del 30 aprile 2020, con il quale sono
stati adottati i criteri relativi alle attività di monitoraggio del rischio
sanitario di cui all’allegato 10 del decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri del 26 aprile 2020;
Viste in particolare, le richiamate “linee guida per la riapertura delle Attività
Economiche, Produttive e Ricreative” del 25 maggio 2020 con le quali
sono rappresentate le schede tecniche con gli indirizzi operativi specifici
per la prevenzione ed il contenimento del contagio nel settore della
ristorazione, delle attività turistiche (balneazione), delle strutture
ricettive, dei servizi alla persona (parrucchieri ed estetisti), del
commercio al dettaglio, del commercio al dettaglio su aree pubbliche
(mercati, fiere e mercati degli hobbisti), degli uffici aperti al pubblico,
delle piscine, delle palestre, della manutenzione del verde e dei musei,
archivi e biblioteche, nonché, in analogia, per tutte le attività economiche
e produttive autorizzate;
Visto il decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, di concerto con
il Ministro della Salute, n. 194 del 5 maggio 2020 e ss.mm.ii.;
Vista la nota prot. n. 18862 del 15 maggio 2020, con la quale il Dipartimento
Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico ha rilevato che alla data
di applicazione della presente ordinanza - in base ai tre set di indicatori
relativi alla “capacità di monitoraggio”, alla “capacità di accertamento
diagnostico, indagine e di gestione dei contatti” e alla “stabilità di
trasmissione e alla tenuta dei servizi sanitari” - la Regione Siciliana
annovera una matrice di “rischio basso”;
Considerato che il decreto legge 16 maggio 2020, n. 33, ha consentito, a far data dal
18 maggio 2020, la riapertura di tutto il commercio al dettaglio, dei
servizi alla persona e delle attività di ristorazione, a condizione che siano
rispettati i protocolli e le linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio
di contagio, nonché ha rimesso alle Regioni la facoltà di avviare, alle
medesime condizioni ulteriori, attività economiche e produttive;
Considerato che il medesimo decreto legge ha stabilito la progressiva riapertura della
mobilità interregionale (dal 3 giugno 2020) - recepita con ordinanza del
Presidente della Regione Siciliana del 2 giugno 2020 - e che è imminente
la riapertura dei confini internazionali, con la conseguenza diretta della
progressiva (e auspicabile) ripresa del mercato turistico interno ed
internazionale;
Visto il decreto monocratico del Presidente del T.A.R. Palermo del 10 aprile
2020 secondo cui sono prevalenti “gli aspetti di massima prudenza
sanitaria e prevenzione epidemiologica” sottesi alle Ordinanze
contingibili e urgenti del Presidente della Regione Siciliana, tenuto anche
conto della “ormai conclamata e progressiva situazione di emergenza
epidemiologica”, nonché della “insularità del territorio regionale” e,
quindi, della “praticabilità di un effettivo e capillare controllo del
movimento da e per la Sicilia”;
Tenuto conto che l’andamento epidemiologico nel territorio siciliano, come già
accertato dai competenti Organi di controllo nazionali e della Regione, è
di livello “basso” e che lo Stato, nel proprio decreto del Presidente del
Consiglio dei ministri del 17 maggio 2020, ha individuato quali linee
guida applicabili per prevenire o ridurre il rischio di contagio nelle
diverse attività economiche e produttive autorizzate le regole indicate
nelle c.d. Linee guida del 25 maggio 2020 approvate dalla Conferenza
delle Regioni e delle Province autonome;
Ritenuto che pur alla luce del precipuo rispetto delle Linee guida approvate e
adottate con le Ordinanze vigenti, si stima nei mesi di giugno - settembre
2020 la presenza nell’Isola di centinaia di migliaia di persone non
residenti le quali, prive di un proprio medico di medicina generale
(ovvero pediatra di libera scelta), devono essere poste in contatto con il
Sistema sanitario regionale, attraverso modalità tecnologiche e mediante
la istituzione delle Unità Sanitarie di Continuità Assistenziale Turistica
(Uscat), anche al fine di adottare adeguate misure contenitive per la
gestione dei c.d. casi sospetti da Covid-19;
 
ORDINA
 
Art. 1
(recepimento delle disposizioni nazionali e ambito di applicazione
della presente Ordinanza)
1. Nel territorio della Regione Siciliana, dalla data del 18 maggio 2020, hanno efficacia
le misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica di cui al decreto legge 16
maggio 2020, n. 33, nonché le ulteriori disposizioni di cui al decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 26 maggio 2020 e le misure specifiche di cui alla presente
Ordinanza.
2. Le norme che seguono individuano il protocollo sanitario per la gestione degli
ingressi di soggetti non residenti nell’Isola nel periodo tra il giorno 8 giugno 2020 - 30
settembre 2020.
Art. 2
(protocollo “SiciliaSiCura”)
1. Chiunque faccia ingresso in Sicilia, se non residente nell’Isola o ivi domiciliato:
a) si registra sul sito internet siciliasicura.com, compilando integralmente il modulo
informatico previsto;
b) utilizza la WebApp collegata (o scarica in forma gratuita sul proprio dispositivo di
telefonia mobile, dalle piattaforme AppleStore e Android, l’applicazione
“SiciliaSiCura”), con finalità di contatto con il sistema sanitario regionale ed
eventuale monitoraggio/assistenza del proprio stato di salute.
2. I titolari delle società di gestione dei trasporti e i titolari di qualsiasi struttura ricettiva
(anche a carattere extralberghiero) promuovono il sistema di registrazione di cui al
comma precedente, anche al fine di garantirne l’effettività. Nello specifico:
a) i vettori del traporto (sia pubblici, che privati) informano i passeggeri, al momento
della prenotazione e della emissione dei titoli di viaggio, in ordine alla necessità di
procedere alla registrazione al sito siciliasicura.com e pubblicano sui propri siti web
le relative informazioni;
b) le strutture ricettive, al momento del check-in dell’utente, nel caso di ospite non
residente o domiciliato nell’Isola, sono onerate di inserire, nei moduli sottoposti alla
firma, la dizione che segue: “dichiaro di essermi registrato sul sito web
siciliasicura.com ai sensi delle vigenti disposizioni emanate dal Presidente della
Regione Siciliana”. Il personale delle strutture ricettive, dedicato ai servizi di
accoglienza, informa in ogni caso tutti gli ospiti della necessità di registrarsi al
portale regionale e comunica il numero del call center dedicato.
c) al fine di uniformare la comunicazione su tutto il territorio della Regione e sui
motori di ricerca e siti web degli operatori turistici è disponibile l’immagine allegata
alla presente Ordinanza, scaricabile nel formato .jpg sul sito istituzionale
regione.sicilia.it nonché sui siti istituzionali dei Dipartimenti regionali interessati.
3. Il Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza della Regione Siciliana è
incaricato di coordinare, mediante il numero verde 800.458787, il call center regionale
per la necessaria assistenza informativa inerente i contenuti del protocollo
“SiciliaSiCura”. I servizi di contatto sono organizzati in lingua italiana ed in lingua
inglese e devono ricomprendere le informazioni di natura sanitaria per i gestori delle
attività produttive, nonché quelle per i cittadini che si sono registrati al sito web
dedicato.
4. La gestione dei flussi informatici è di competenza del Dipartimento della Protezione
Civile, che redige un report settimanale sull’andamento degli ingressi nell’Isola
attraverso il riscontro informatico del loro monitoraggio.
Art. 3
(istituzione delle Uscat)
1. Sono istituite le Unità Sanitarie di Continuità Assistenziale Turistica (Uscat) in
analogia con quanto previsto dall’art. 8 del decreto legge n. 14 del 9 marzo 2020 e sue
modifiche ed integrazioni. Esse adempiono a compiti di monitoraggio, presa in carico e
assistenza, per tutto il periodo della durata della presente Ordinanza, dei casi sospetti da
Covid-19 relativi a soggetti non residenti nell’Isola e gestiti secondo il presente
protocollo sanitario.
2. In caso di positività al contagio da Covid-19 di un soggetto non residente nell’Isola e
presente per ragioni turistiche o di lavoro, si applicano i protocolli vigenti del Ministero
della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità; tuttavia, l’isolamento domiciliare
conseguente all’accertamento della positività al contagio, ove non sia necessario il
ricorso a cure ospedaliere, è organizzato dalla Regione Siciliana senza oneri a carico
dell’interessato.
3. Il Dipartimento della Pianificazione Strategica dell’Assessorato Regionale della
Salute, unitamente al Dipartimento per le Attività Sanitarie e Osservatorio
Epidemiologico del medesimo Assessorato, adottano ogni adeguato provvedimento
amministrativo finalizzato alla istituzione di un numero di Uscat, nella misura non
inferiore di una per provincia. Alla formazione dei medici ed infermieri provvede il
Cefpas, mediante corsi a titolo non oneroso per l’Amministrazione.
4. Ogni ulteriore disposizione, relativa alla gestione dei protocolli sanitari in caso di
crescente presenza dei cittadini non residenti nell’Isola, sarà adottata con
provvedimento amministrativo dell’Assessore Regionale per la Salute.
Art. 4
(disposizioni sulla efficacia delle misure)
1. La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente ordinanza comporta le
conseguenze sanzionatorie previste dalla legge vigente.
2. La presente ordinanza, con validità dal giorno 8 giugno 2020 fino al 30 settembre
2020 compreso, è pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, anche con
valore di notifica individuale, e sul sito internet istituzionale. Essa, per gli adempimenti
di legge, viene trasmessa al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della
Salute, ai Prefetti, ai Comuni e alle ASP.
3. Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale
Amministrativo Regionale nel termine di giorni sessanta dalla comunicazione, ovvero
ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi.
Il Presidente
f.to MUSUMECI

Pubblicata il 08/06/2020